Stress da lavoro: chi colpisce e come gestirlo al meglio

Se è vero che il lavoro nobilita l’uomo, possiamo anche affermare che spesso, troppo spesso, lo porta anche a essere molto più stressato del dovuto.

Lavorare in un ambiente accogliente, che ci faccia stare tranquilli e non ci faccia pesare eccessivamente le ore che dobbiamo passare fuori casa è un privilegio che non tutti possono affermare di avere.

Purtroppo, sono molte più numerose le persone che finiscono addirittura per odiare il proprio posto, e che non lo abbandonano soltanto perché hanno bisogno di denaro.

Bisogna tuttavia considerare che il cosiddetto stress da lavoro è certamente difficile da gestire, ma non impossibile: ci sono alcune piccole pratiche che potrebbero aiutare chiunque a “sopravvivere” nel miglior modo possibile anche in un ambiente non esattamente confortevole.

Stress da lavoro prolungato

Innanzitutto dovremmo sapere che uno stress prolungato può facilmente tramutarsi nella sindrome di burnout: a causa di questa sindrome l’impiegato è quasi “esaurito” a causa dei tanti compiti che quotidianamente deve necessariamente svolgere sul posto di lavoro.

I sintomi che ci possono far comprendere che purtroppo siamo andati incontro a questa sindrome sono:

  • Forte demotivazione
  • Ansia
  • Irritabilità
  • Non riuscire a gestire eventuali cambiamenti
  • Stanchezza
  • Inappetenza
  • Insonnia

Dopo aver appurato che soffriamo di questo cosiddetto stress da lavoro, dobbiamo semplicemente capire cosa fare per uscirne.

Bisogna semplicemente apportare delle piccole modifiche alla nostra quotidianeità: una volta seguiti questi pratici suggerimenti, la nostra vita ne risentirà sicuramente in maniera positiva.

Qual è la causa?

Innanzitutto dobbiamo capire perché stiamo male: è l’organizzazione del nostro lavoro? Abbiamo problemi con i nostri colleghi o con il capo? Capire questo primo punto ci aiuterà sicuramente a focalizzare il problema, per poi tentare di risolverlo nel miglior modo possibile.

Cerchiamo di tenerci in allenamento: anche semplicemente fare una passeggiata all’aperto ogni tanto può aiutarci a schiarirci le idee e a sentirci meno stressati. Ci farà scaricare un po’ della tensione che abbiamo inevitabilmente accumulato durante la giornata e ci farà tornare a lavoro più positivi.

Cerchiamo di dormire a sufficienza: a volte non è facile dormire quanto dovremmo, ma in questo caso è essenziale riposare bene, andare a letto prima la sera e poter dormire almeno sette o otto ore al giorno ci aiuterà a svegliarci più riposati, meno stressati e più carichi.

Gli integratori naturali: possono essere dei validi aiuti, non vi è la necessità di ricorrere a medicinali, a volte bastano anche semplicemente degli integratori naturali: rhodiola rosea, aloe vera, melatonina, tiglio, melissa, passiflora e valeriana sono validi alleati del nostro umore.

Ci aiutano a rilassarci, a dormire meglio e in alcuni casi possono anche risollevarci l’umore.

Imparare a dire di no

Se sappiamo di avere troppo lavoro da svolgere, dobbiamo evitare di caricarci addosso altre cose da fare. Anche se qualcuno ci chiede una mano per risolvere un problema, dobbiamo imparare a pensare innanzitutto a noi stessi: a volte è bene ammettere di dover staccare la spina per un po’.

Cerchiamo di diventare noi stessi la nostra priorità: quando saremo in pace, meno stressato e più calmo sarà sicuramente più facile organizzare la nostra vita in modo da far quadrare ogni piccolo tassello.

Tutto andrà al suo posto, ma non possiamo pretendere di farlo subito: le cose che ci fanno stare bene richiedono sempre del tempo. Dedichiamocelo!!

Stress da lavoro

#stressdalavoro #priorità

Leggi anche:

0 0 vote
Article Rating